Agrometeo > Consigli agronomici > ARBOREE

ARCHIVIO: seleziona l'anno


09/10/2014

VITE Basso Mantovano: Fine vendemmia, i risultati dell'annata

dott. Mentore Bernini

E' terminata in anticipo rispetto al 2013 la raccolta dei  Lambruschi. Buona la qualità delle uve ma con gradazione inferiore rispetto ai due anni precedenti.

L’annata è stata caratterizzata da un estate particolarmente piovosa con problemi di diffusione della peronospora. Le strategie di difesa consigliate hanno dato ottimi risultati consentendo di mantenere sia la produzione che la qualità delle uve a buoni livelli.

Si rileva in alcune cantine sociali una riduzione della produzione.

Sotto controllo l’oidio e la tignoletta della vite (Lobesia botrana), in aumento il mal dell’esca.

Non si consigliano trattamenti fitosanitari nei vigneti in produzione anche dove è stata eseguita la raccolta meccanica. Sospendere i trattamenti contro la peronospora anche nei vigneti in allevamento.

Per un controllo integrato delle infestanti della vite è possibile eseguire interventi agronomici come lavorazioni meccaniche, inerbimenti, sfalci e trinciature oppure interventi chimici localizzati sulla fila. Si consiglia d’intervenire quando le infestanti sono nei primi stadi di sviluppo, ciò consente di ridurre la dose degli erbicidi utilizzati.

 

CONTROLLO INTEGRATO DELLE INFESTANTI DELLA VITE

 

Infestanti

Criteri d’intervento

Sostanza attiva

% S.a.

Dose l/Ha anno

Graminacee e Dicotiledoni

Interventi agronomici

 

Interventi chimici

(non ammessi negli interfilari)

 

Consigliabili le applicazioni nel periodo autunnale

 

 

Ammessi per anno indipendentemente dalle applicazioni

Glifosate

30,4

l/Ha = 9

Carfentrazone (3)

6,45

l/Ha = 1

In ogni caso la dose annua non deve superare 2 l/Ha nei vigneti in allevamento (max 3 anni di età).

Oxifluorfen (1)

22,9

l/Ha = 1

Da utilizzarsi in dose ridotte (l 0.3-0.45 per intervento) in miscela con i prodotti sistemici, lungo la fila tra ultima decade di settembre e la prima di maggio

Flazasulfuron (2)

25

0.07 l/Ha

Impiegabile solo ad anni alterni. Non ammesso su terreni sabbiosi. Da utilizzarsi in miscela con i prodotti sistemici nel periodo inverno-inizio primavera, interventi indicati per il contenimento delle infestanti che possono favorire la presenza dei vettori del legno nero.

Pyraflufen-ethile

2,6

1,6 l/Ha in alternativa al Carfentrazone

Graminacee

Solo nei primi due anni di allevamento e sulla fila

Ciclossidim

10,9

2-4 l/Ha

 

 

Ciclossidim

Pendimetalin

Isoxaben

10,9

38,72

45,5

2 l/Ha

2 l/Ha

2 l/Ha

 

Il diserbo deve essere localizzato sulla fila. L’area trattata non deve superare il 50% dell’intera superficie.

Principi attivi ammessi nelle “Linee guida 2014” del Comitato Nazionale Difesa Integrata e nelle integrazioni del Servizio Fitosanitario della Regione Lombardia

p.a. = principio attivo

Si consiglia di attenersi alle indicazioni, in particolare alla fase fenologica, alla dose e al tempo di carenza, fornite in etichetta del formulato commerciale utilizzato.